Come pubblicizzare un b&b: strategie di marketing per promuovere un bed and breakfast

 

Alla base della promozione online di un b&b deve esserci una strategia precisa. Che si voglia pubblicizzare un b&b all’estero o limitare la promozione al territorio nazionale, tante sono le leve del marketing che è possibile adottare per portare traffico sul proprio sito o le proprie pagine social e ottenere quindi conversioni, che per un b&b si traducono in prenotazioni.

Tuttavia non è possibile pensare a pubblicizzare un b&b senza aver pianificato quegli interventi del web marketing che possono essere utili allo scopo.

Bisogna innanzitutto fare la scelta del target a cui rivolgere le offerte: chi sono gli ospiti del b&b? A chi posso dedicare una promozione particolare sulla base delle prenotazioni passate? Una volta stabilito chi è il turista ideale che visita il proprio b&b, si può procedere con una serie di interventi online. Vediamo quali.

 

Il sito web 

sito web bed and breakfast

Il sito web per il b&b è il suo primo biglietto da visita. Nella ricerca sui motori come Google, il sito dovrebbe essere ben ottimizzato in ottica SEO.

Realizzare un sito per un bed and breakfast che sia indicizzato tra i primi risultati delle ricerche degli utenti non è semplice nè è possibile utilizzare una sola regola condivisa.

Quando si realizza un sito web bisogna prestare attenzione ai suoi contenuti: per Google i testi e le immagini all’interno di ogni singola pagina devono essere coerenti con quello che cercano le persone.

Ad esempio, la pagina “stanze” deve contenere parole chiave come “stanze b&b”, “stanze economiche”, “stanza bed and breakfast” e così via.

Una pagina vuota, senza contenuto o che presenti solo un’immagine non viene nemmeno considerata da Google. Ecco perchè è importante strutturare ogni sezione del sito in quest’ottica: il web master poi penserà ai meta tag, ovvero a quegli attributi che identificano ogni singola pagina sulla base delle parole che vi assoceremo.

 

Google My Business

google my business b&b

Connessa alla ricerca online del b&b è la creazione di una pagina Google my Business, indispensabile per sfruttare le ricerche locali.

Si tratta di una scheda che appare all’utente quando cerca un b&b nella zona dove si trova e che contiene tutte le informazioni della struttura, dall’indirizzo agli orari di apertura.

E’ uno strumento molto importante, perchè è un’opportunità che Google offre gratuitamente per poter comparire anche nei risultati della ricerca locale (dove c’è la mappa), quindi proprio al centro della pagina dei risultati di Google.

 

Il booking engine

booking engine b&b

Importante quanto il farsi trovare su internet è la presenza, all’interno del sito, di un software di booking engine, ovvero un sistema di prenotazione online che consente agli utenti che si collegano al sito web di un b&b di consultare in tempo reale la disponibilità delle camere, e successivamente di prenotare in maniera autonoma il proprio soggiorno.

Un sistema di prenotazioni online di questo tipo consente al titolare una gestione ottimale delle prenotazioni. Grazie al sistema di booking engine, infatti, l’occupazione delle camere ed il relativo pagamento vengono registrate automaticamente.

Un software di questo tipo deve essere facile da usare e sicuro nelle transazioni, oltre a dover essere visualizzabile anche da mobile. Il booking engine migliora il fatturato sia perché genera un maggior numero di prenotazioni dirette sia per le minori prenotazioni confermate dalle OTA dalle quali si risparmiano le commissioni.

 

Promuovere il b&b sui social network

social media marketing turistico

Ormai tutte le strutture ricettive dovrebbero essere presenti sui social, almeno su Facebook e Instagram. Il primo per l’enorme portata che ormai ha acquisito, il secondo perchè si presta particolarmente per i turisti che tendono a condividere le foto dei propri viaggi.

La pagina Facebook

Per sfruttare i social network è necessario sapere come pubblicizzare un b&b su Facebook.

Innanzitutto il b&b dovrebbe avere una pagina business, da aggiornare costantemente, dove può pubblicare post sulle ultime novità relativamente alla struttura e/o agli eventi in zona.

Il punto forte di un b&b infatti è la sua economicità, che consente ai turisti di vivere appieno la propria vacanza.

Ecco perchè Facebook deve essere usato come una leva importante per attrarre potenziali ospiti, che cercano costantemente pareri e conferme che una pagina ben tenuta e gestita può fornire loro.

Coinvolgere gli ospiti con qualche semplice sondaggio, chiedere pareri e commenti a foto particolari o in alternativa passare ai post sponsorizzati a pagamento.

Il profilo Instagram

Allo stesso modo, sapere come creare un profilo Instagram per il b&b è importante perchè il settore turistico è per definizione il business che maggiormente si presta alla condivisione delle foto.

Aprire un profilo Instagram è molto semplice: basta avere un indirizzo email e scegliere un username (@nomehotellocalità) e fare poi un aggiornamento a profilo Business (andando in Impostazioni e cliccando sull’opzione “Passa a un profilo aziendale”).

Una volta attivato l’account, è fondamentale postare immagini di qualità che possano generare interesse (ovvero condivisioni o interazioni tramite commenti): non è necessario pubblicare 10 immagini al giorno, ne basteranno un paio ben fatte per attrarre l’interesse.

Attenzione poi al corretto utilizzo degli hashtag: Instagram dà la possibilità di inserire per ogni foto fino a 30 hashtag (#) ma sarebbe meglio non usarne più di 10 e che siano specifici per ogni foto inserita. In questo modo la gente comincerà ad interagire con like, commenti e a seguire l’account.

 

Il b&b su internet

pubblicità b&b su booking

Un b&b può essere presente su internet nei migliori siti di bed and breakfast, ma anche sui portali turistici come i comparatori (vedi Booking) o quelli di recensioni (Tripadvisor).

Ovunque se ne parli, l’importante è che se ne parli bene e che la presenza della struttura sul web non comporti investimenti così alti da non riuscire a recuperare l’importo speso.

Portali turistici

Per quanto riguarda i portali turistici in particolare, questi possono essere un’ottima vetrina per un b&b, in grado di garantire una visibilità superiore che un semplice sito corporate può non garantire.

I portali più importanti infatti hanno ormai un livello di indicizzazione sui motori di ricerca talmente alto che compaiono tra i primi risultati di Google non appena un utente cerca un b&b in una determinata zona.

Comparire al loro interno vuol dire raggiungere un pubblico potenzialmente molto elevato.

Si tratta infatti di siti di grandi dimensioni, che presentano al loro interno centinaia di strutture ricettive, ognuna delle quali con una pagina di presentazione e contatti, fra cui un link diretto al sito web ufficiale. Booking ne è il re indiscusso.

Le recensioni

recensioni su tripadvisor

Anche il passaparola è fondamentale su internet. Si può dire che la reputazione che una struttura costruisce online può fare la differenza tra il suo successo o il fallimento.

Per questo motivo la gestione delle recensioni è un argomento spinoso ma importante che non deve mancare all’interno di una strategia di web marketing.

Ma come inserire un b&b su Tripadvisor, il sito top di gamma per quanto riguarda lo scambio di opinioni?

E’ semplice: se la struttura non è ancora stata pubblicata su TripAdvisor da un ospite, bisogna richiedere la pubblicazione del b&b sul link “Pubblicate subito un profilo” sotto la casella di ricerca.

Viene visualizzata una pagina in cui è possibile richiedere un profilo per la struttura. Se la struttura è già presente sul sito, è meglio rivendicarne la proprietà piuttosto che creare un nuovo profilo.

Una volta inviata la richiesta con tutti i dati della struttura, i redattori di TripAdvisor controllano i dati e in circa 5 giorni lavorativi inviano una risposta.