Newsletter con promozioni turistiche: come impostarle

 

Creare una newsletter per i clienti della propria struttura turistica può contribuire in maniera efficiente alla fidelizzazione. Ma non solo: è possibile avvalersi di servizi di email marketing presso agenzie che danno la possibilità di raggiungere potenziali ospiti grazie ai propri database. In ogni caso un messaggio chiaro e personalizzato è fondamentale per avere un riscontro in termini di popolarità e quindi per avere prenotazioni successive. In particolare, si tratta di un utile strumento nel caso in cui la struttura volesse attivare delle promozioni stagionali o legate a particolari eventi. Con una newsletter è possibile raggiungere il proprio bacino di utenza oppure nuovi possibili clienti. Da una parte, tramite un semplice software di email marketing, si può inviare una mail ad una lista di indirizzi in proprio possesso, dall’altra è possibile avvalersi di comodi servizi e/o agenzie che danno la possibilità di raggiungere anche centinaia di migliaia di utenti potenzialmente interessati a soggiornare presso la propria struttura. In entrambi i casi a fare la differenza è la struttura della newsletter: grafica e contenuti devono accaparrarsi le visualizzazione dell’utente, quindi il click al proprio sito.

Come scrivere una email promozionale?

Una newsletter accattivante è determinata da aspetto e contenuto: un layout semplice ma efficace, unito a informazioni chiare e interessanti, determinano il successo di una email in termini di click. Anche l’oggetto è importante: influisce sulle aperture, e per questo deve essere diretto. Attenzione però alle parole fuorvianti che molti provider identificano come spam: “gratis”, “omaggio” e “regalo” sono solo alcuni esempi di parole da non usare. Meglio “sconti” o “promozione”.

L’estetica di una newsletter contribuisce a rendere d’impatto la cornice del messaggio: una bella immagine, non troppo grande per evitare che la mail sia troppo pesante, in alto ad introduzione del testo ne è un esempio. Rendere esteticamente accattivanti anche i bottoni com “scopri” o “prenota” aumentano le possibilità che gli utenti vi clicchino.

Per quanto riguarda il contenuto, invece, la semplicità ripaga sempre: una mail articolata, lunga, con tante righe di testo avrà molte meno possibilità di essere letta rispetto ad un testo breve, conciso, chiaro ed accattivante. Se il cuore del messaggio è una promozione speciale, questa dovrebbe essere in evidenza e dovrebbe seguire una breve spiegazione. Chiaramente non può mancare il collegamento al proprio sito, dove il turista può prenotare. Lo scopo principale di una newsletter di questo tipo infatti è generare traffico sul proprio sito allo scopo di ottenere prenotazioni.

Sfruttare le proprie liste di clienti

Se una struttura alberghiera è in possesso degli indirizzi email dei propri clienti, un’operazione di marketing utile e misurabile è quella di dedicare loro delle speciali comunicazioni via email. Su internet si trovano moltissimi servizi di email marketing a costi irrisori che danno la possibilità di creare un template o personalizzare un modello esistente, comporre il proprio messaggio e inviarlo ad un proprio elenco di indirizzo email. Usare il proprio provider di posta va bene se si hanno a disposizione una decina di contatti, ma quando questi diventano molti di più non è funzionale nè pratico inserire a mano ogni singolo indirizzo email.

Avere cura del proprio bacino di clienti è molto importante per una struttura turistica che punta a migliorare sempre più la propria reputazione. Sconti e offerte dedicate a chi è già stato ospite non possono che aumentare la percezione della qualità del proprio soggiorno e far sentire speciali chi ha già potuto toccare con mano l’ospitalità della struttura.

Le attività utili per entrare in possesso degli indirizzi email dei propri clienti sono diverse: se la struttura è inserita all’interno di un motore di ricerca, avrà a disposizione una mail di riferimento che potrà archiviare, o ancora i clienti che raggiungono la struttura tramite il sito invieranno una email (o si può richiedere al telefono) e infine chi a soggiornerà potrebbe essere richiesto di lasciare un indirizzo per comunicazioni future.

Trovare nuovi clienti con l’email marketing

Diverse agenzie danno la possibilità di inviare una newsletter a un volume di utenti definito ed eventualmente profilato. Si tratta di realtà specializzate nell’invio di grandi quantitativi di email a database di utenti più o meno elevati (nell’ordine delle centinaia di migliaia) che danno la possibilità di raggiungere utenti potenziali clienti inviando le email tramite proprie piattaforme di invio. E’ possibile richiedere una profilazione più o meno accurata e inviare la email solo ad un target specifico (per età, genere o geolocalizzazione). Chiaramente lo scopo di queste attività è riuscire a raggiungere nuovi clienti. Nel caso in cui si disponesse di liste di indirizzi email da escludere dall’invio, è possibile richiedere l’esclusione di tali nominativi direttamente all’agenzia (si parla in questo caso di “deduplica”). Si tratta di un’operazione che molte strutture turistiche fanno prima della stagione estiva, in occasione di ponti o delle vacanze di Natale, ovvero quando si avvicinano i periodo di maggiore afflusso turistico.